METIS Cooperativa di Solidarietà Sociale

Fondata da Giovanna Borrello

Corso di Alta Formazione in Counseling Filosofico

Riconosciuto dalla SICoF (Società Italiana Counseling Filosofico) Accreditata

dalla S.I.Co. (Società Italiana di Counseling)

Perchè oggi il counseling filosofico?

Risponderemo con le riflessioni di alcuni filosofi e filosofe.

La realtà continua ad aver bisogno di pensiero, sia chiaro, oggi più che mai. E non si tratta soltanto di pensiero strumentale, tecnico, no. Si richiede anche creatività e ingegno libero. L'intensificarsi del cambiamento è tale che il mondo rischia di diventare caotico. E' importante, quindi, sviluppare la capacità di pensare, per dare senso a ciò che accade, metterlo in parole, immetterlo nella comunicazione.
Luisa Muraro

Nessuno e niente possono definire la soggettività se non la sua stessa non-indifferenza a sè, quella vigile "cura" della differenza, che ancora può dirsi con l'antico nome di "filosofia".
Aldo Masullo

Bisogna superare il concetto di malattia. La filosofia non è ciò che siamo abituati a descrivere come cura. Piuttosto può servire a liberarci dalla condizione della patologia. E' un percorso che ci porta a non considerarci più malati, nè sani, ma piuttosto dei mortali che nascono ed invecchiano.
Aldo Rovatti

Quel che ho imparato dalla pratica analitica è che molta gente sta male non solo perchè ha avuto dei traumi.. ma è malata perchè ha delle idee sbagliate. Ai miei pazienti faccio leggere tanti libri, qualcuno sono riuscito a farlo arrivare alla laurea, partendo dalle elementari.
Umberto Galimberti

Che cosa di fa quando si pensa? Pare che non si faccia niente, non si fabbricano nè sedie nè tavoli, nè progetti di legge o costituzioni, ma in ogni caso si attivano alcune facoltà della mente: la ragione, il sentire, l'immaginazione, che, pur essendo silenziose, invisibili, hanno uno specifico rapporto con il corpo, l'ambiente esterno, la storia di un'epoca.
Laura Boella

Circolarità di un doppio movimento: movimento dell'emozione che ci orienta e movimento del pensiero, che, inventando, rende significante l'esperienza. Pensare e ringraziare. Per rendere grazie è necessario inventare. Paradosso felice.
Chiara Zamboni

News