METIS Cooperativa di Solidarietà Sociale

Fondata da Giovanna Borrello

Corso di Alta Formazione in Counseling Filosofico

Riconosciuto dalla SICoF (Società Italiana Counseling Filosofico) Accreditata

dalla S.I.Co. (Società Italiana di Counseling)

Obiettivi

Premessa

La formazione al counseling filosofico è condotta entro un orizzonte fenomenologico-esistenziale.

La finalità è quella di fornire conoscenze e pratiche che si rivolgono all'esistenza individuale all'interno di un più ampio sistema di relazioni.
La pratica del "prendersi cura", seguendo la metodologia del counseling filosofico, sia di gruppo che individuale, parte sempre dalla considerazione del "qui ed ora" del soggetto, affronta il suo livello conscio e il suo vissuto (Erlebnis) nel rapporto con il mondo (Um-welt), e tende a "curare" facendo leva, secondo l'arte socratica della Maieutica, sul potenziale energetico e delle risorse che ogni individuo, partendo da sè, può mettere in campo. Questo non esime, anzi impone che non siano trascurate conoscenze anche di altre metodologie di approccio al disagio. Inoltre, una particolare attenzione è rivolta alla meditazione, alla pratica yoga, al Training come cura, crescita e perfezionamento di Sé, infatti il motto della scuola è: "solo chi consegue il proprio benessere, può aiutare gli altri a conseguirlo".

Il partire da sé è anche pratica diffusa dal Pensiero della differenza, che è la corrente filosofica moderna che più si ispira al carattere pratico della Filosofia classica, non mera teoria ma guida di vita.

Cosa è il Counseling Filosofico?

Il Counseling ad orientamento filosofico (CF) è una relazione d'aiuto in cui vengono facilitati e stimolati, attraverso strumenti filosofici, processi decisionali e chiarificatori in grado di risolvere e rispondere a specifiche domande dell' esistenza.

Il CF possiede quindi gli elementi base che caratterizzano il counseling in generale, e acquisisce specificità nell' utilizzo del metodo filosofico. Il counselor filosofico è perciò una sorta di facilitatore, di catalizzatore che stimola e conduce utilizzando le personali risorse del consultante. Nell' ambito del counseling filosofico grande importanza viene data al rapporto interpersonale, come fondamentale occasione per fare filosofia. E' nel e dal rapporto che si sviluppa il discorso filosofico, che risulta perciò ben finalizzato e concreto. E' nel e dal problema reale che nasce la riflessione filosofica. Non quindi una filosofia fine a se stessa, che si risolve nella pratica astratta e lontana dalla realtà, bensì un atteggiamento che consente di agire e di intervenire sulle questioni della vita.

Campi preferenziali di intervento del Counseling Filosofico

L' area di intervento comprende tutte quelle situazioni o problemi dell' esistenza, definibili come non patologici. Il CF non è infatti idoneo ad affrontare disturbi quali depressione maggiore, psicosi, attacchi di panico, disturbi ossessivo-compulsivi, anoressia e bulimia, ecc.

Campi di applicazione possono essere quelli attinenti a:

  • Problemi esistenziali e crisi di valori;
  • Problemi decisionali;
  • Problemi religiosi;
  • Problemi etici e morali;
  • Esigenze intellettuali di ricerca e conoscenza;
  • Consulenza su temi di etica, bioetica, su scelte professionali;
  • Richieste di consulenza politica;


Non ci troviamo più solo davanti ad un disagio dovuto a problemi mentali o psichici, ma a problemi che investono l'anima, intendendo per anima qualcosa di più ampio della psiche, intesa comunemente dalla Psicologia. Nella filosofia greca a cui noi ci riferiamo, "psiche" ebbe un carattere più ampio, significava "avere vita".
Per Socrate l'uomo è la sua psiche, e ne deve avere cura.

Clicca qui per sapere "Perchè oggi il counseling filosofico?"

ai sensi della legge 4/2013

News